Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

GRUPPO CATECHISTI E CAMMINO D'AVVENTO

Categoria: Vita parrocchiale | Inserita il 24/11/2010 | By Teo
Ravaldino.it -

"Cosa porto a Gesù che viene?"

Tra pochi giorni entreremo nel tempo d'avvento, non solo tempo di attesa e speranza, ma anche tempo di ascolto e riflessione su cosa significa per ciascuno di noi accogliere "Gesù che viene".

E in una società che ci vuole trasmettere solo un'immagine del Natale distorta e in preda al consumismo più sfrenato, il Gruppo Catechisti ha pensato per questo cammino d'Avvento di coinvolgere i ragazzi e le famiglie del catechismo in una raccolta alimentare destinata al CENTRO DI ASCOLTO CARITAS che si occupa di assistere le numerose famiglie della nostra parrocchia che vivono in stato di povertà, perchè accogliere "Gesù che viene" significa prima di tutto accogliere le persone più bisognose e in difficoltà e riconoscere in esse il volto di Cristo.

Ogni domenica d'Avvento, durante la messa delle 9.30, inviteremo i ragazzi a portarci gli alimenti indicati, in cambio per loro un segnalibro personalizzato col tema e il versetto della domenica.

Il giorno dell’Epifania, durante la messa delle 11.30, chiederemo invece ai ragazzi di portarci un gioco (che sia naturalmente in buone condizioni) per i bambini del CENTRO DI ASCOLTO.

Questo il calendario con le cose da portare:

  • 28 novembre ore 9.30 - 1° domenica di avvento
    ZUCCHERO E FARINA
  • 5 dicembre ore 9.30 - 2° domenica di avvento
    MERENDE E BISCOTTI
  • 12 dicembre ore 9.30 - 3° domenica di avvento
    ALIMENTI IN SCATOLA (TONNO, FAGIOLI, ETC…)
  • 19 dicembre ore 9.30 - 4° domenica di avvento
    PRODOTTI PER L’INFANZIA
    (OMOGEINIZZATI, PASTINE, BISCOTTI, ETC..)
  • 6 gennaio ore 11.30 - Epifania del Signore
    UN PROPRIO GIOCO

Chiunque vuole può unirsi alla nostra raccolta, grazie a quanti vorranno sostenerci con il loro aiuto, grazie da parte degli operatori della Caritas e soprattutto grazie da parte di quelle famiglie che ancora oggi vivono in condizioni di povertà e bisogno.

Condividi su facebook